Ogni persona ha aspettative, obiettivi, abilita’, possibilita’, tempi e desideri diversi. In base a questi elementi si puo’ determinare e programmare l’attivita’ fisica a breve, medio e lungo termine. Tra le proposte seguenti troveremo sicuramente la piu’ idonea per raggiungere i tuoi obiettivi considerando e rispettando il piu’ possibile le tue esigenze.

PROGRAMMA DI RECUPERO POSTURALE E FUNZIONALE

Le algie del rachide (principalmente cervicale e lombare), a cui tutti vanno incontro nell’arco della vita, sono spesso causati da squilibri dell’assetto posturale. Un recupero dell’ideale allineamento dei segmenti corporei rende l’organismo piu’ funzionale e piu’ adatto a compiere sia i gesti della vita quotidiana che i gesti sportivi. E’ dunque consigliato, prima di intraprendere qualsivoglia attivita’ fisica (agonistica e non agonistico), eseguire un’analisi posturale e funzionale. Nel caso in cui siano riscontrate anomalie si provvedera’ alla stesura di un programma di recupero.

RIEDUCAZIONE POST INTERVENTO CHIRURGICO O INFORTUNIO

Dopo un infortunio, un intervento chirurgico o una trauma importante, il nostro corpo ha bisogno di un programma di recupero delle capacita’ coordinative e condizionali. Dopo un primo ciclo fisioterapico, che dovrebbe ridare al distretto interessato tutti i gradi di mobilita’ e una rimuscolazione di base, e’ necessario compiere un recupero funzionale. Questo consiste nel riequilibrio dei valori della forza muscolare, nel ridare elasticita’ ad eventuali muscoli rimasti retratti e ad un recupero propiocettivo*.

PROGRAMMA SPECIFICO PER IL DIMAGRIMENTO

Spesso si usa associare alla parola dimagrimento la perdita di peso corporeo. In realta’ per dimagrimento s’intende la diminuzione della massa grassa dell’organismo che non e’ necessariamente collegata ad una diminuzione ponderale. La massa muscolare infatti, a parita’ di volume, pesa piu’ del tessuto adiposo. Con un aumento della muscolatura ed una diminuzione della massa grassa potrebbe dunque verificarsi il mantenimento o addirittura l’aumento del peso corporeo anche se in realta’ siamo dimagriti. Per ottenere questo risultato sara’ necessario un programma d’allenamento che prevedra’ una parte di lavoro aerobico ed un’altra di tonificazione muscolare. L’una con la finalita’ primaria di utilizzare come fonte di energia, il tessuto adiposo in eccesso; l’altra per far si che il metabolismo basale rimanga accelerato anche dopo la fine dell’allenamento. Corrette abitudini alimentari renderanno ancora piu’ efficace il nostro lavoro.

PROGRAMMA SPECIFICO PER LA TONIFICAZIONE MUSCOLARE

Il tuo tricipite “ballonzola” quando saluti il vicino? I tuoi glutei si sono arresi alla forza di gravita’? Forse farebbe a caso tuo un buon programma di tonificazione generale. Con elastici, piuttosto che con pesi liberi o macchinari per body building, un pizzico di buona volonta’ ed esercizi mirati, lavorando sempre tra il 50 e il 60 % delle tue possibilita’ ridaremo tono e vigore alla tua muscolatura.

PROGRAMMA SPECIFICO PER L’INCREMENTO DELLA MASSA E DELLA FORZA MUSCOLARE

Dall’esperienza dei piu’ famosi culturisti americani, portata in Italia dal CSEN – CONI, una delle scuole di formazione per Personal Trainer piu’ rinomata e riconosciuta in tutto il mondo, nascono i miei programmi per l’incremento della massa e della forza muscolare. La punta di diamante e’ rappresentata dal famoso programma A-B-C di F. Hatfield. Questo tipo d’allenamento si sviluppa su 3 workout differenti (easy, medium, hard) per ogni gruppo muscolare che vengono rimescolati su 4/5 giorni d’allenamento in modo che ogni distretto venga allenato almeno due volte a settimana.

PROGRAMMA SPECIFICO PER LA DEFINIZIONE MUSCOLARE

Arriva l’estate: desideri un fisico scolpito e asciutto? Un buon allenamento aerobico unito ad un programma specifico per la definizione muscolare e’ cio’ che fa per te. Abbandoniamo per un po’ i “pesoni” e ricerchiamo tecnica e movimenti controllati con carichi medio-bassi. Corrette abitudini alimentari renderanno ancora piu’ efficace il nostro lavoro.

PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER DIVERSE DISCIPLINE SPORTIVE (Calcio, pallacanestro, pallavolo, motociclismo, automobilismo ect…)

Dall’esperienza maturata sul campo ed in palestra con atleti di tutti i livelli, dai giovani dilettanti agli affermati professionisti,vi propongo allenamenti specifici per migliorare le vostre prestazioni agonistiche. Ogni atleta necessita infatti di una preparazione atletica differente a seconda dei gesti che dovra’ poi eseguire durante la sua competizione. E’ impensabile allenare un maratoneta e uno sprinter con uno stesso programma. Abbandonate il qualunquismo, allenatevi con specificita’!

PANCAFIT

E’ l’unico attrezzo, brevettato in tutto il mondo, capace di riequilibrare la postura con semplicita’ ed in tempi brevissimi, agendo sulla globalita’ delle catene. E’ in grado di ridare liberta’ e benessere a tutto il corpo attraverso un “ALLUNGAMENTO MUSCOLARE GLOBALE DECOMPENSATO”. Non si tratta di semplice stretching analitico o classico. E’ un allungamento muscolare fatto in postura corretta e senza permettere “compensi”, vale a dire quei meccanismi antalgici che il corpo mette in atto per sfuggire alle tensioni, ai dolori o ai semplici disagi che reputa non graditi, o contro la sua normale sopravvivenza. Inoltre tale allungamento utilizza tecniche respiratorie per sbloccare anche il diaframma.

PILATES MATWORK AND TOOLS

E’ una tecnica di recupero funzionale, ideata da Joseph Hubertus Pilates, in grado di garantire l’equilibrio posturale grazie ad una serie d’esercizi che garantiscono un corretto allineamento del copro. Si basa sull’applicazione di nozioni di neuro-fisiologia e chinesiologia applicata ad esercizi in grado di migliorare la mobilita’ articolare, la flessibilita’ e la forza funzionale garantendo risultati funzionali ed estetici. Il Pilates e’ la moda del momento e potete trovare descrizioni ed articoli su tutte le riviste del settore. Per capire a pieno caratteristiche e proprieta’ consiglio di provarlo.

ELETTROSTIMOLAZIONE

Puo’ essere un buonissimo strumento di supporto al vostro allenamento, sia per obiettivi estetici che prestazionali. Preso singolarmente non e’ tuttavia in grado di soddisfare le vostre esigenze. Come tutte le tecniche passive, va integrato con un programma mirato d’allenamento.

PLICOMETRIA

L’analisi plicometrica o plicometria non e’ altro che una tecnica di misurazione delle masse corporee. Si basa su un principio molto semplice: la presenza di acqua nelle cellule muscolari e la sua assenza nelle cellule adipose. Utilizzando una sorta di pinza (plicometro) e’ possibile verificare i millimetri di tessuto adiposo presenti nei diversi distretti corporei. Una volta selezionata la superficie corporea da misurare, si procede a plicare la zona desiderata. Dato che l’acqua delle cellule muscolari cambiera’ posizione a causa della pressione attuata dalla pinza, nella morsa rimarra’ intrappolato solo il tessuto adiposo. L’operazione verra’ ripetuta in diverse parti del corpo. Il metodo piu’ diffuso prevede la rilevazione di 7 pliche, come richiesto dall’equazione di Jackson-Pollock. Inserendo i 7 dati rilevati con il plicometro nella formula sopra citata, si ottiene il valore della percentuale di massa grassa e quello della massa muscolare. Questo sistema, scientificamente testato, si pone al secondo posto in quanto a precisione nella rilevazione della massa grassa. Solo l’impedenziometria diretta (effettuata negli studi medici con macchinari elettronici molto costosi) riesce ad essere piu’ precisa. La plicometria offre comunque dei valori molto vicini a quelli reali, con uno scarto massimo, se eseguita da un tecnico esperto, del 2 percento.

CONSIGLI ALIMENTARI PERSONALIZZATI

Ogni programma d’allenamento e’ vano se non viene supportato da un corretta alimentazione. Non si tratta di seguire una dieta, bensi’ di conoscere cosa e’ piu’ indicato mangiato in alcune situazioni e momenti della giornata. L’istituzione di un diario alimentare puo’ rivelarsi un valido supporto per comprendere le vostre abitudini alimentari e correggerle insieme poco per volta.

* Termine introdotto da Sherrington per descrivere gli ingressi sensoriali che originano, nel corso di movimenti guidati centralmente, da particolari strutture: i propriocettori. La loro funzione principale e’ di fornire informazioni di retroazione sui movimenti propri dell’organismo, in altre parole di segnalare, istante per istante, quali siano i movimenti che l’organismo stesso sta compiendo.

Lascia un commento